Disabili, integrazione con lo sport

Resto del Carlino mercoledì 21 Maggio 2003

 

Concordi le associazioni: “Bisogna rompere il silenzio sugli handicappati”.

Se siete interessati alla nostra attività vi preghiamo innanzitutto di leggere lo statuto dell'associazione che vi illustrerà in dettaglio gli aspetti organizzativi e gli scopi del Centro

Eventi

Album

Links

Blog

SOSTIENI A.S.D. CENTRO SPORT TERAPIA JUDO RAVENNA CON IL TUO 5 PER MILLE

Ravenna – Sport ed handicap. Si sono ritrovati in Municipio le associazioni sportive che svolgono attività con i disabili, il Coni, il Consorzio servizi sociali, molti consiglieri comunali, rispondendo all’invito delle commissioni Sport e Sanità presiedute rispettivamente da Riccardo Pasini e Daniele Perini.

Il 2003 è l’Anno europeo del disabile e con questo incontro si è voluto dare “un segnale forte – ha sottolineato Pasini – verso il binomio sport ed handicap, con lo sport visto come mezzo di integrazione.

Dobbiamo abbattere le barriere mentali, favorire la conoscenza di queste associazioni che operano con il volontariato e sono circondate da troppo silenzio, dobbiamo far conoscere programmi, bisogni, necessità”.

E le associazioni i loro problemi li hanno messi sul tavolo; tutte sono intervenute. L’Ens (ente nazionale sordomuti) che svolge attività da 18 anni ed ha visto i contributi notevolmente ridotti negli ultimi anni; l’Aias Ruentes che ha sottolineato l’attività pallavolistica con ragazzi handicappati psichici; il Centro Sport Terapia Judo Ravenna che ha festeggiato i 20 anni di vita ha evidenziato i molti problemi, fra cui la necessità di una nuova sede (il Pala sport Costa chiude a gennaio per lavori); l’Associazione Non Vedenti che ha ricordato la necessità di fare qualcosa anche per le persone magari anziane che vogliono continuare a svolgere attività amatoriale; la Meta che opera con pazienti mentali che sta partendo con pallavolo e calcetto; l’Anmic che ha posto sul tappeto i problemi degli invalidi civili.

Il Consorzio Servizi Sociali “si occupa di oltre 700 persone – ha ricordato il direttore Savorelli – in condizioni di disagio; diamo sostegno alle associazioni, ma credo che ciò non sia ancora sufficiente.

Il Consorzio è disponibile a momenti di programmazione congiunta per accrescere la partecipazione dei disabili allo sport ed anche ad accrescere il contributo economico”.

E’ anche importante che “non ci si fermi al 2003 perché è l’anno del disabile – ha sottolineato il presidente del Coni, Suprani – ma si prosegua con impegno; deve però anche essere superata una certa mentalità, secondo cui uno crede che il proprio handicap sia più bisognoso di attenzione di quello di altri”.

L’attenzione al binomio sport-handicap è stato ribadito negli interventi dei diversi consiglieri comunali e dell’assessore ai servizi sociali Farabegoli.

Augusto Mari

Infojudo mosse di Judo     Valid XHTML 1.0 Transitional